Autore:
M.A. Corniche

ELASTICA Riuscire a percorrere un tornante in salita, e nemmeno troppo ampio, in quarta non mi era mai capitato. Tanto meno con una 4x4 turbo a quattro cilindri. Può capitare però, con una Forester 2.5 XT, la super Forester. Alle ben note qualità della Forester, unisce le qualità di un gran motore a cui non manca certo la cavalleria e che esalta le doti di elasticità del quattro cilindri boxer. A prova di tornante a chiocciola.

ALZA IL GOMITO

Certo, un motore non per tutti, un po' per il costo di acquisto e un po' per i costi vivi di viaggio. I consumi sono più o meno sempre sotto i 7 km/litro, anche per i piedi veloci ma attenti, ed è necessario mettere in conto una svalutazione a falce per il momento della rivendita. Comunque, fino ad allora, le sue belle soddisfazioni la Forester 2.5 XT le regala. Anche la potenza del 2.5 non riesce a mettere in difficoltà l'ottimo equilibrio proprio delle Subaru e che non fa eccezione per la Forester.

EFFETTO CALAMITA

Come tutte le sorelle, anche la 2.5 XT tende al rollio, ma metterla in crisi non è facile anche per il più imbranato dei piloti. Il telaio di base, d'altronde è quello della plurivittoriosa Impreza, non lo si dimentichi. Con il 2.5 tarato per offrire piacere e facilità di guida più che potenza pura (in Subaru corre la leggenda di un duemila messo al banco di prova e portato a 500 cavalli che non voleva rompersi nemmeno dopo ore di funzionamento...), la Forester diventa una specie di rallentatore delle lancette dell'orologio, agile e svelta nel muoversi nel traffico per accorciare le distanze.

POLE POSITION

La posizione di guida un poco più alta rispetto alla media, poi, aiuta a cogliere opportunità per superare e infilarsi in varchi redditizi nel traffico cittadino. Sulle doti di scatto poche altre auto possono permettersi di competere nella prova semaforo e la pole position è ben salvaguardata, pur con una guida soft.

PICCOLI NEI

Qualche neo, però, alla Forester 2.5 XT non manca, specie alla luce di un prezzo non proprio popolare. Gli interni dell'ultima generazione abbinati alle finiture in pelle rendono gradevole l'abitacolo, ma qualche dettaglio è un po' stagionato e stilisticamente non al passo coi tempi. Dal punto di vista dinamico, l'unico punto debole di questa Forester è rappresentato da una certa rumorosità che turba la quiete dei passeggeri a velocità sostenuta e che si avverte quindi soprattutto nei trasferimenti autostradali.

TAGS: prova subaru forester 2.5 xt