Autore:
Andrea Rapelli

THE QUEEN La Range Rover Evoque non ha bisogno di tante presentazioni: piace soprattutto per l'aspetto, sexy e attraente, strizzato in misure a prova di città. Ma anche per la qualità degli arredi, per il cambio automatico a 9 rapporti e per la capacità di cavarsela in situazioni scomode. Insomma, può considerarsi una delle migliori Suv compatte di lusso.

BOTTE PICCOLA Delle tre protagoniste del confronto, appare evidente come la Range Rover Evoque sia la più piccolina: i circa 30 cm di lunghezza in meno che ballano rispetto alle rivali si sentono, inutile negarlo. Sia nell'abitabilità, che non è eccezionale per una Suv di tale caratura, sia nel bagagliaio. In effetti, è l'unica in cui non siamo riusciti a stivare il super monopattino elettrico. Non solo: vi confesso che ho avuto qualche difficoltà anche con il passeggino di mia figlia.

DIGERISCE LA CITTA' Su strada, però, la taglia small aiuta: con la Evoque, sgusciare nel traffico cittadino non è affatto complicato, almeno dopo aver preso le misure della carrozzeria, perché la visibilità, causa vetratura piccola, richiede attenzione. Tuttavia, quando i proprietari di BMW X4 e Porsche Macan staranno ancora cercando parcheggio fra le vie del centro, voi sarete già seduti al bar a gustarvi una deliziosa tazza di english tea, grazie alle misure più compatte.

MA DA' IL MEGLIO FUORI D'altro canto, quando si esce dalle mura, potete contare su uno sterzo sempre sul pezzo, un assetto che non vede di buon occhio il rollio e un motore davvero gagliardo: complici i 190 cv e il cambio automatico a 9 rapporti, lo scatto al semaforo è quasi quello del centometrista. Il tiro non è invece proprio paragonabile a quello dei 6 cilindri da 3 litri delle avversarie, decisamente più potenti. Un bene, questo, per i consumi, che stazionano intorno ai 12-14 km con un litro di gasolio. C'è di più: fra le tre, l'Evoque è l'unica a poter vantare un pedigree fuoristradistico eccellente.

CHE ANGOLI! Il merito è tutto del Terrain Response, che vi farà avanzare laddove le altre si fermeranno, ne sono certo. A patto, chiaro, di montare gli pneumatici giusti. Oltre all'elettronica e alla trazione integrale intelligente, che sposta la coppia dietro solo quando richiesto, ci sono anche numeri da fuoristrada vera: la Range Rover Evoque infatti può superare guadi profondi fino a 50 cm e conta su angoli caratteristici di tutto rispetto, con 25° per l'attacco, 22° per il dosso e ben 33° per l'uscita. Cose che BMW e Porsche si sognano, anche a causa di gommature e cerchi dedicati prettamente all'asfalto.

CASH Last but not least, buone notizie anche per il prezzo, inchiodato ben al di sotto alle cifre fissate dalle tedesche. Con 51.500 euro, infatti, potete mettervi in garage la Range Rover Evoque 2.2 TD4 Prestige, con cambio automatico a 9 rapporti e tutta una serie di accessori che possono soddisfare la maggior parte di voi. Certo, se si vuole qualcosa in più bisogna essere disposti a spendere. Ma non crediate che sulle rivali non succeda...


TAGS: confronto prova test range rover evoque Tutte le prove auto del 2014 Porsche Macan vs BMW X4 vs Range Rover Evoque