Video
Skoda Karoq: la prova su strada

Nuova Skoda Karoq: prova su strada, caratteristiche e prezzi

Come è fatto, come va e tutto quello che c'è da sapere sul nuovo SUV Skoda Karoq. Prova su strada, caratteristiche prezzi

1 36 0
Autore:
Emanuele Colombo

SUV COMPATTO Già da parecchio Skoda non è più il brutto anatroccolo del gruppo Volkswagen e con il suo nuovo modello intende ribadirlo con forza, puntando su dotazioni e una qualità della vita a bordo degne dei prodotti premium. La Skoda Karoq si inserisce nel segmento dei SUV compatti, con 4,38 metri di lunghezza e 1,84 metri di larghezza. In rapporto alle dimensioni, il vano di carico ha una capacità record per la categoria: da 521 a 1.630 litri, nella configurazione di serie. Consigliati, per chi cerca la massima versatilità, i tre sedili posteriori VarioFlex: capaci di scorrere per passare da 479 a 588 litri senza dover rinunciare ai passeggeri, per raggiungere poi 1.810 litri di capacità quando vogliamo rimanere... soli con il nostro bagaglio. Ottima l'abitabilità per quattro passeggeri, mentre il quinto deve fare i conti con un tunnel della trasmissione un po' ingombrante.

L'ABITACOLO Il design degli interni è pulito ed essenziale: guadagna una certa solennità per le bocchette di ventilazione a sviluppo verticale poste accanto al display del sistema di Infotainment. Il quale, da parte sua, può essere di quattro tipi diversi: due impianti audio puri e due infotainment con navigatore. La compatibilità con Apple CarPlay e con Android Auto non è di serie solo sull'impianto base, mentre è garantita nei modelli superiori. Il top della gamma propone un display in vetro da 9,2 pollici davvero scenografico e offre collegamento alla rete LTE per fare da hot-spot in viaggio. Il quadro strumenti, a richiesta, è completamente digitale: la Karoq è infatti il primo modello Skoda a poter avere il Digital Cockpit, la tecnologia che sotto nomi diversi equipaggia già molte altre auto di Audi e Volkswagen (Skoda fa parte del gruppo, ricordiamo).

TI MOSTRA CIO' CHE VUOI Della strumentazione digitale del gruppo Volkswagen abbiamo già parlato altre volte, apprezzandone la leggibilità, il sapore futuristico e le possibilità di personalizzazione. In questo caso il display da 10,25 pollici può essere impostato secondo quattro diversi profili d'uso. Si passa dalla visualizzazione classica, in cui tachimetro e contagiri lasciano libera una piccola porzione dello schermo al navigatore o alla riproduzione musicale, a una modalità semplificata, con le sole indicazioni utili in viaggio. Oppure si può optare per dedicare la massima parte dello spazio alla navigazione, per leggere al meglio la mappa, o ancora per una disposizione personalizzata di alcune finestre con i menu che preferiamo.

AIUTI ALLA GUIDA Alla guida possiamo contare su una completa dotazione di sistemi di sicurezza di ultima generazione: dal parcheggio automatico Park Assist alla frenata automatica City Emergency Brake con funzione predittiva per la salvaguardia dei pedoni; dal mantenimento di corsia Lane Assist alla guida semi-autonoma nel traffico Traffic Jam Assist, utilizzabile fino a 60 km/h. Non mancano poi i sensori e gli allarmi Blind Spot Detect e Rear Traffic Alert né il riconoscimento dei segnali stradali o la chiamata di emergenza Emergency Assist. Meno tecnologiche, ma sempre apprezzate, sulla Skoda Karoq spiccano piccole raffinatezze quali l'ombrello estraibile da un apposito alloggiamento sotto il sedile del passeggero (di serie) o la torcia ricaricabile nel bagagliaio, che svolge anche il duplice ruolo di luce di cortesia (optional).

VERSIONI E PREZZI Dal punto di vista meccanico, Skoda Karoq è disponibile sia a trazione anteriore sia in versione 4x4: anche con sospensioni a controllo elettronico e differenziale intelligente EDS regolabili in base ai programmi Snow e Off-Road. Per le trasmissioni è prevista l'opzione del cambio sequenziale DSG a doppia frizione e i motori proposti sono addirittura cinque. A benzina si può scegliere tra il tre cilindri di 1.0 litri e 115 CV e il nuovo 1.5 TSI da 150 cavalli: dotato di dispositivo per la disattivazione di due dei quattro cilindri quando si guida con un filo di gas. A gasolio sono previsti il 1.6 TDI da 115 CV o il 2.0 TDI: declinato nelle due versioni da 150 o 190 CV. Skoda Karoq è già ordinabile nelle sole versioni da 115 e 150 CV, ma le consegne cominceranno a gennaio 2018. Il listino parte da 24.850 euro e raggiunge i 34.350 euro per il modello top di gamma.

 

 

PRIMO CONTATTO Iniziamo le danze con una Skoda Karoq 2.0 TDI – diesel, quindi – da 150 CV con trazione 4x4 e cambio manuale. L'interno è curato, con materiali di qualità assemblati con buona precisione. Solo la parte bassa dei pannelli porta e il rivestimento interno della vaschetta portaoggetti tra i sedili sono fatti di plastica un po' meno consistente, ma comunque dall'aria solida. L'abitacolo è luminoso, complice il tetto panoramico di questo esemplare, e gli arredi hanno un certo family feeling tipico del gruppo Volkswagen.

A CENTRO PLANCIA Manca il famoso Digital Cockpit, qui rimpiazzato da una strumentazione tradizionale, con due elementi circolari dalla cornice cromata e un piccolo display al centro: non innovativo, ma elegante. Al centro della plancia è incastonato il navigatore Columbus, il top di gamma, che mostra un'ottima sensibilità al tocco quando si tratta di inserire la destinazione, mentre è meno reattivo quando proviamo a regolare il volume della voce guida. In ogni caso il suo schermo touch in vetro da 9,2 pollici offre un gran bel colpo d'occhio.

HA IL PASSO FELPATO Imbocchiamo l'autostrada dall'aeroporto di Palermo e la progressione appare subito fluida e regolare. Niente male il tiro in ripresa, anche se forse meno incisivo di quanto ci aspettiamo da un duemila turbodiesel con 340 Nm di coppia. Che sia colpa dell'Euro 6? In autostrada il rotolamento dei pneumatici, che di solito è il rumore dominante, sulla Karoq non si sente, per lasciare il posto a qualche fruscio aerodinamico prodotto dagli specchietti e a una certa rombosità del motore: comunque contenuta.

COMANDI E REGOLAZIONI Il cambio manuale dell'esemplare in prova ha innesti scorrevoli e precisi, dal sapore quasi sportivo. Lo sterzo invece trasmette sensazioni un po' artificiali. Proviamo a cambiare modalità di guida passando da Eco a Normal e infine a Sport (anche se poi resta la possibilità di confezionare un settaggio su misura) e questa impostazione sembra migliorare il feeling. In seguito scopriremo che però indurisce parecchio lo sterzo in velocità e forse la posizione Normal è quella che offre il miglior compromesso.

SOSPENSIONI DA LODE Cambiando le modalità di guida, o driving mode, cambia anche il comportamento delle sospensioni, che nell'esemplare in prova sono a controllo elettronico. In modalità Sport si fanno percettibilmente più rigide, ma in ogni settaggio vantano un'ottima scorrevolezza e svolgono un lavoro egregio nel filtrare l'asfalto non sempre levigato di queste strade. Ottimo l'assetto, insomma, che oltre ad assorbire bene le sconnessioni garantisce un comportamento sincero e una stabilità a tutta prova in qualunque situazione. I consumi, nel nostro percorso extraurbano, si attestano sui 7 l/100 km secondo il computer di bordo.

EPPUR SI MUOVE Passiamo da un estremo all'altro, mettendoci alla guida della Skoda Karoq 1.0 TSI: il tre cilindri benzina da 115 CV e 200 Nm. Non sarà un po' azzardato un simile downsizing per un SUV? Proviamo qualche progressione in salita e, complice il cambio a doppia frizione DSG a 7 marce molto rapido e ben tarato, i risultati sono interessanti. Addirittura sorprendenti. I numeri dichiarati dalla casa parlano di un tempo di 10,5 secondi per raggiungere i 100 km/h da fermi e una velocità massima di 187 km/h: di certo più che sufficienti per muoversi con una certa disinvoltura.

E I CONSUMI? Pure i consumi non sono affatto male, visto che in extraurbano il computer di bordo calcola valori inferiori a 7,5 l/100 km. Valori che, va detto, non vanno presi come riferimento per un eventuale casa-ufficio nel traffico. L'unica pecca di questo allestimento sono le sospensioni di tipo tradizionale e non a controllo elettronico, che rispetto a quelle intelligenti lasciano passare qualche vibrazione in più sull'asfalto rovinato e sono appena meno efficaci nello smorzare gli ondeggiamenti sulle ondulazioni del terreno.

I VANTAGGI DEL DSG È la volta di una Karoq 2.0 TDI 150 CV con trazione 4x4 e, questa volta, il cambio automatico DSG: un ottimo connubio che esalta le doti del motore e la guidabilità. E pure i consumi, visto che in extraurbano il computer di bordo calcola meno di 6 l/100 km (ma qui ci tocca ribadirlo: tutti questi dai sui consumi sono puramente indicativi, visto che sono stati ottenuti in condizioni non perfettamente identiche). Inoltre adoperando il cambio in modalità sequenziale, tramite le levette dietro al volante, ricaviamo soddisfazioni sorprendenti quando la guida si fa più sportiva.

SA DIVERTIRE NEL MISTO Piace, una volta di più, l'efficace controllo dell'assetto, che mantiene l'auto piatta e attaccata a terra nonostante le frequenti asperità. Forzando il ritmo emerge un sottosterzo molto progressivo, mentre il posteriore mantiene la linea in modo irreprensibile e rassicurante. Lo sterzo, adeguatamente diretto, consente di mantenere le mani in posizione canonica alle 9:15 anche sui tornanti, per emozioni più da berlina che da SUV.

CANDIDATA A BEST SELLER Ultima, ma non per importanza, proviamo la Skoda Karoq 1.6 TDI: la diesel da 1.6 litri, 115 CV e 250 Nm di coppia, che tra tutte dovrebbe essere la più venduta. E a ragione, perché abbinata con il cambio DSG, come l'esemplare in prova, garantisce un equilibrio davvero invidiabile tra prestazioni, piacere di guida e costi di gestione. Tanto più che non fa rimpiangere più di tanto le cilindrate superiori visto quanto reagisce pronta e pimpante all'acceleratore. A meno di esigenze particolari, potrebbe essere lei la quadratura del cerchio. I consumi? Inferiori a 6 l/100 km in extraurbano, secondo il computer di bordo.


TAGS: video test drive prova su strada alla guida al volante nuova skoda karoq skoda karoq prova skoda karoq test skoda karoq caratteristiche skoda karoq pregi e difetti skoda karoq pro e contro skoda karoq video nuovo suv skoda karoq skoda prezzo skoda karoq listino skoda karoq prezzi skoda karoq listino prezzi skoda karoq metano skoda karoq interni karoq prezzo skoda karoq foto prova skoda karoq 2.0 tdi prova skoda karoq 1.0 tsi prova skoda karoq 1.6 tdi prova skoda karoq diesel prova skoda karoq benzina prova skoda karoq 3 cilindri

Salone di Francoforte 2017
Skoda Karoq: l'erede della Yeti al Salone di Francoforte 2017

Strumentazione digitale, bagagliaio ampio e flessibile. In vendita entro fine anno a partire da circa 20.000 euro

1 15 0
Test drive
Volkswagen Tiguan Executive 2.0 Tdi 150 CV BMT DSG 4Motion

Più slanciata e accogliente, la nuova Volkswagen Tiguan diesel è un'ottima compagna di viaggio e consuma poco, nonostante il 4x4

23 0
Back To Top