Autore:
M.A. Corniche

UNA FACCIA UNA RAZZA Anche l’Almera si adegua al family feeling Nissan, con il nasone puntuto e i fari trapezoidali e allungati. È la novità più vistosa all’esterno per la nuova Almera, più aggressiva e con più carattere, con il paraurti dalla grande bocca di ventilazione a nido d’ape meglio integrato con la carrozzeria. In coda, cambiano le luci posteriori che, al posto di tagli orizzontali, incorporano luci tonde come moda comanda. Anche il paraurti posteriore ha un disegno più pulito.

TOTEM HI-TECH Novità più importanti all’interno, con la plancia completamente ridisegnata e il solito buon livello qualitativo. Un bel cruscottino con strumenti circolari ben visibili e chiari nella grafica ma, soprattutto, una inedita consolle centrale. Un totem tecnologico, con un grande schermo (per gli allestimenti più costosi) posto in alto, per governare tutte le funzioni, dal climatizzatore allo stereo, e un pannello che incorpora tutti i comandi, mutuato dallo schema N-Form di Primera e montato in verticale.

ASSUEFAZIONE Per la verità, lo schermo monocromatico non si legge benissimo in pieno sole (è poco luminoso, ma è disponibile uno schermo a colori da 7 pollici abbinato al navigatore satellitare con DVD Europeo) e il pannello di comando richiede un minimo di assuefazione. Ma alla fine risulta comodo. Miglioramenti più o meno importanti, più o meno evidenti per una compatta che continua a offrire tanto spazio e buona qualità costruttiva, oltre a qualità dinamiche di ottimo livello.

COME LA CUGINA… Novità per la Almera è il turbodiesel common rail 1,5 litri che si affianca al più impegnativo 2.2 a gasolio. Motore nuovo per Nissan, ma stra-collaudato dalla cugina Renault con ottimi risultati. Quindi, un diesel common rail Euro 3 da 1.461cc, due valvole per cilindro, 82CV (60kW), 185Nm a 2000 giri, 168km/h e 14,4 secondi per lo 0-100 km/h. Sulla carta niente di speciale ma, come spesso accade con i motori diesel, su strada è in grado di assicurare buone soddisfazioni di guida.

…E LA SORELLINA Sorella maggiore della Micra, la Almera esalta le caratteristiche della piccola: comfort e tenuta di strada, ai massimi livelli della categoria. Anche con il motore diesel 1.5 la Almera offre sempre un grande comfort in termini di silenziosità e di capacità di rendere le strade più lisce di quanto siano.

PROVATE A PRENDERLA Comfort, per la Almera, significa anche guidare senza pensieri, magari anche divertendosi. Grazie alla sua tenuta di strada ormai proverbiale la Almera ha margini di sicurezza molto elevati anche su strade dal fondo distrutto. E sulle strade giuste è quasi imprendibile, anche con il 1.500 diesel. Motore che si affianca ai due motori a benzina (1.5 da 98Cv e 1.8 da 116).

VISIA E ACENTA Tre gli allestimenti: Visia, Acenta e Tekna, solo Visia e Tecna per il nuovo motore. Tutte le Almera hanno di serie airbag frontali e laterali, Abs con Ebd e Brake Assist, alzacristalli elettrici e il sistema Keyless entry. Le Acenta offrono in più radio cd con comandi al volante, display multifunzionale, computer di bordo, specchi esterni regolabili elettricamente.

TEKNA La Tekna aggiunge anche il climatizzatore automatico, lo Sport Pack (cerchi in lega da 16 pollici, volante in pelle e fendinebbia), minigonne laterali, spoiler posteriore. Prezzi: da 13.100 a 16.750 Euro; le 1.5 dCi costano da 14.000 a 14.550 per le 3 porte, 500 Euro in più per avere le due porte posteriori.


TAGS: nissan almera 2003 i migliori da 1.400 a 1.800cc