Prova
Honda FR-V 2.2 i-CDTi

Honda FR-V 2.2 i-CDTi

La dieselizzazione della gamma Honda continua e anche la sei posti di famiglia si infila sotto il cofano l'eccellente motore a gasolio lanciato con la Accord. Prestazioni sportive, piacere di guida e consumi spartani. Prezzo interessante.
11 0
Autore:
M.A. Corniche

COM'E' Una formula inventata e lanciata dalla Multipla di Fiat, una formula intelligente ripresa soltanto da Honda. Quella dei sei posti su due file, una idea che consente di avere un abitacolo adatto a famiglie e a compagnie numerose, senza costringere a muoversi con un pulmino travestito da monovolume. Più lunga delle Multipla di quasi 30 centimetri (428x181 centimetri contro i 409x187 della torinese) anche la FR-V riesce a ospitare comodamente sei persone o a offrire un abitacolo versatile e trasformabile a piacere, con i sedili centrali che scorrono per adattarsi meglio alle esigenze del momento e quello anteriore che si trasforma in una consolle attrezzata sollevando la seduta o ripiegando in avanti lo schienale.

JAPAN CARGO

Sei posti con bagagli: anche se tutti i sedili sono occupati sono disponibili 439 litri a disposizione per il carico e modulando i sedili ripiegabili singolarmente si può adattare lo spazio per caricare fino a 1600 litri. E, ripiegando i sedili centrali, si possono trasportare oggetti lunghi pur viaggiando comodamente in quattro. Ma nelle doti di versatilità interna della FR-V nulla cambia. Ciò che cambia adesso è l'indicazione sul tappo del serbatoio: Diesel.

DIESELLONA

Arrivata in ritardo nel mondo del gasolio, Honda si è presentata però con un grande motore, premiato come Engine of The Year 2005, un 2.2 i-CTDi Euro 4, quattro cilindri, common rail di seconda generazione con turbo a geometria variabile, intercooler, contralbero di equilibratura e bilancieri a rullini. Un motore generoso, abbinato al cambio manuale a sei marce, con 140 cavalli a 4000 giri e, soprattutto, 340Nm di coppia massima a 2000 giri. Quanto basta per spingere la 3+3 di casa Honda fino a 100 km/h partendo da ferma in 10,1 secondi e fino alla velocità massima di 190 km/h. badando però ai consumi, con percorrenze di quasi 16 km/litro nel ciclo combinato.

DUE MEGLIO DI ONE

Gli allestimenti disponibili sono due, Comfort ed Executive. Al prezzo base di 23.950 euro, si ottiene già tutto quanto serve per comfort e sicurezza, dal climatizzatore automatico ai sei airbag (frontali, laterali e a tendina), dalla radio con Cd e comandi al volante al controllo elettronico di stabilità VSA, dagli specchi regolabili e riscaldabili elettricamente al computer di bordo con cruise control. Alla Comfort si possono abbinare due pacchetti, Plus con cerchi in lega e fendinebbia e Plus Navi che aggiunge ancora navigatore satellitare con schermo touch screen e audio Premium con caricatore da i sei Cd. La Executive aggiunge cerchi in lega, fendinebbia, audio Premium, fari bi-xeno con lavafari, cristalli scuri, sedili anteriori riscaldabili, sensore pioggia, mancorrenti sul tetto, specchi ripiegabili elettricamente e tetto apribile elettrico. Anche la Executive ha i suoi pacchetti, Leather con interni in pelle chiara e Navi Leather che aggiunge il navigatore.

COME VA

Pratica, comoda, funzionale... ma alla FR-V a benzina manca qualcosa, la brillantezza apprezzata da chi si muove rapidamente. Il trapianto del motore i-CTDi della Accord è la classica quadratura del cerchio, potente sì, ma soprattutto prontissimo a scattare in qualsiasi condizione di guida. Con il nuovo motore la i-CTDi è un'altra auto, che sarà ancora più apprezzata dai giovani che sembrano essere una buona parte dei clienti delle mille FR-V vendute nei primi otto mesi dal lancio.

SEMPRE PRONTA La rumorosità è contenuta

, forse più evidente che sulla Accord ma mai fastidiosa. La disponibilità del motore i-CTDi a spingere appena si solleva il piede dal pedale della frizione non fa che rinfrescare l'ottimo ricordo di guida della Accord. Anzi, sulla FR-V diventa ancora più brillante e con un carattere che, adeguatamente stimolato con il pedale destro, sfiora l'aggressivo. La FR-V diventa un'auto veloce e pronta a farsi guidare anche in maniera sportiva quando serve o estremamente rilassata: il motore spinge sempre e si lascia portare al piccolo trotto anche in sesta marcia a velocità da isola pedonale a regimi di poco sopra il regime del minimo.

TOLLERANTE

Anche il cambio, con la leva corta e vicina al volante, ben piazzata sulla plancia, è un valido alleato del pilota sportivo come del pilota inesperto, veloce nelle cambiate per il primo e idiot proof per il secondo. Il nuovo motore mette alla prova il telaio della FR-V che tollera bene sia l'esuberanza nella spinta sia l'aumento di peso, mantenendo la precisione dello sterzo nell'impostare le traiettorie e sopportando con aplomb giapponese qualsiasi angheria e nefandezza, senza ricorrere all'aiutino elettronico del sistema di controllo della stabilità VSA.

TAGS: prova honda fr-v 2.2 i-cdti i migliori da 2.000 a 2.500cc Engine of the year 2008: da 2.0 a 2.5 litri

CRASH TEST: Peugeot 1007-Suzuki Swift-Honda FR-V

Cinque stelle alla Peugeot 1007, quattro a Honda FR-V e Suzuki Swift: gli ultimi ...

8 0
Prova
Honda CR-V 2.2 i-CTDi
Honda CR-V 2.2 i-CTDi

Ha l'eccellente motore a gasolio made by Honda.

21 0
Prova
Honda FR-V
Honda FR-V

Spazio per sei e look sportivo

30 0
Back To Top