Autore:
Lorenzo Centenari

FURBETTI DEL CARTELLINO Quando un'immagine, un'idea, rendono assai meglio della scheda tecnica o di mille parole. Il nuovo Fiat Fullback Cross? Metti un giorno come un altro: la fascia centrale trascorsa in ufficio, come lavoratori modello, mattina presto e tardo pomeriggio dedicati ai propri hobby. Se avete la fortuna di vivere al mare, potreste fare surf al calar del sole. Se abitate in alta montagna, salutare l'alba con una rigenerante sciatina all'apertura degli impianti. Se invece la vostra routine si svolge in città, magari trovate gusto a raggiungere la più vicina pista di motocross, e rassodarvi gli avambracci tra una derapata e un salto alla Tony Cairoli. Quale che sia la vostra scelta, tutto sarebbe più semplice e divertente se la tavola, gli sci o la vostra moto li stivaste nel cassone del Fullback Cross, il pick up da lavoro col vizio della "fuga".

NON DI SOLO LAVORO... Con Fiat Fullback che dal 2016 ha già di per sé trasmesso nuova linfa a Fiat Professional, Fullback Cross aggiunge quel tocco squisitamente lifestyle che dopotutto il mercato chiede a gran voce. Un mercato che tra l'altro, da nicchia frequentata quasi esclusivamente da artigiani, trasportatori e piccoli imprenditori, nell'arco di un quinquennio ha registrato un'espansione impressionante. Oggi in tutta Europa circolano 180.000 nuovi pick up, vale a dire il 60% in più rispetto al 2012. La crescita più sostenuta riguarda proprio gli allestimenti leisure, vale a dire quelli più completi, in tutto e per tutto automobilistici. Sfera che ora accetta tra i suoi membri Fullback Cross, il pick up che non vive di solo lavoro.

MESSAGGIO A RETI UNIFICATE Fiat Fullback Cross si aggiunge alla presistente gamma Fullback portando in dote stile, accoglienza di bordo, soprattutto qualità dinamiche. In concessionaria a reti unificate Fiat e Fiat Professional dal prossimo weekend (11-12 novembre 2017), a un prezzo promozionale di 27.700 euro Iva esclusa, la variante Cross adotta di serie, innanzitutto, il differenziale centrale Torsen specifico per la guida off-road. Il Pack Techno prevede tra le altre cose anche il bloccaggio del differenziale posteriore, un autentico lusso se parliamo di pick up. 

ADESSO FA IL FIGO Tecnica a parte, Fiat Fullback Cross è anche design al passo coi tempi. Sport bar aerodinamica in nero testurizzato, griglia anteriore rivisitata nei dettagli, inoltre specchi retrovisori, maniglie, archi passaruota e cerchi da 17 pollici rifiniti in nero opaco. La stessa tinta individuata anche per le nuove pedane. Completano il kit estetico le luci diurne a LED, e l'effetto non è niente male. All'interno, la parola d'ordine è comfort: clima automatico bizona, sedili e volante in pelle, navigatore con display touch da 7 pollici e retrocamera (oltre a radio DAB, Bluetooth e presa USB), cruise control. Infine, per viaggiare in totale sicurezza, sono inclusi nel pacchetto sette airbag (compreso quello per le ginocchia del conducente), il controllo elettronico della stabilità, il sistema anti-sbandamento del traino, il controllo per il mantenimento della corsia di marcia (LDW) e l’assistente alle partenze in salita. 

GEMELLI DIVERSI Il motore è sempre lui, il 2.4 turbodiesel da 180 cv e 430 Nm a 2.500 giri di origine Mitsubishi: ricordiamo infatti come il Fiat Fullback sia frutto di una clonazione del prodigioso L200, il padre di tutti i pick up di dimensioni medie. A proposito: come l'edizione standard, Fullback Cross misura 5,28 metri di lunghezza e 1,81 m di larghezza, ma tutto sommato si manovra senza particolari grattacapi. Il raggio di sterzata di soli 5,9 metri è tra i più contenuti della categoria.  Accreditato di una massa rimorchiabile di 1,1 tonnellate e di un carico trainabile di 3,1 tonnellate, il Cross può associare il 2.4 a gasolio sia al cambio automatico a 5 marce, un classico convertitore di coppia con palette al volante, sia alla trasmissione manuale a 6 marce

LOTTA NEL FANGO Sulle dolci strade collinari delle Langhe ho avuto modo di guidare il Fullback Cross sia su asfalto, sia un breve tratto di sterrato. Un sentiero in pendenza, trasformato dalla pioggerellina in una bella pista di fango molliccio. Niente paura, ruoto il pomellone sul tunnel dalla posizione 2H (trazione posteriore singola) alla funzione 4H (quattro ruote motrici). Il differenziale centrale prende così a svolgere il proprio sporco lavoro (sporco, in questo caso, è proprio il termine adatto), trasferendo coppia all'anteriore nella misura richiesta dalla situazione. Il Fullback Cross avanza con disinvoltura e non ne avrei nemmeno bisogno, ma per curiosità muovo ancora la manopola sul terzo scatto: in configurazione 4HL, entrano in scena le marce ridotte e la presa delle quattro ruote si fa ancora più incisiva. Già che ci siamo, chiudiamo il cerchio e azioniamo il blocco meccanico del differenziale posteriore: a questo punto, davvero il mio pick up italo-giapponese sarebbe pronto a inerpicarsi su per una pietraia, e a gareggiare con un fuoristrada vecchia maniera. Il sentiero finisce e torno su strada. Nel rientrare alla base, incrocio sul lato opposto un Mitsubishi L200, esemplare di vecchia generazione. Chissà se si sono scambiati un cenno, un saluto. O qualche impressione di guida.

MOPAR PER UN TOCCO DI CLASSE Quasi dimenticavo: tra gli accessori studiati da Mopar per Fiat Fullback Cross, anche uno speciale sistema di chiusura per il cassone. Trattasi di una copertura in colore nero e composta da tessuto polimerico rivestito in alluminio, avvolgibile e resistente alle intemperie. Ottimo per proteggere il carico da sporcizia e maltempo. Si installa velocemente, in più è dotato di sistema di chiusura a chiave, così da sigillare il carico e favorire sonni tranquilli.


TAGS: 4wd pick up differenziale torsen Fiat Fullback fiat professional fiat fullback cross