Autore:
M.A. Corniche

NO Sembra una battuta, ma il motore quando è spento non emette porcherie inquinanti. Bella scoperta, direte voi. Ma se il motore si mette in siesta da solo quando non serve e si riaccende da solo quando deve lavorare, tutte le soste sono a inquinamento zero. E a costo zero.

MI SPENGO, NON MI PIEGO

Il sistema adottato da Citroën per C3 è semplice: quando si frena e la velocità scende sotto i 6 km/h il motore si spegne, per riaccendersi quando si solleva il piede dal pedale del freno. Abbinato al cambio meccanico robotizzato Sensodrive, il sistema Stop&Start consente di risparmiare fino al 15% di carburante e di limitare le emissioni inquinanti in proporzione rispetto alla C3 dotata del medesimo motore 1.4 ma con un normale cambio manuale e senza Stop&Start.

TUTTOFARE

Il trucco sta in un dispositivo che prende il posto di due accessori istituzionali del motore, il motorino di avviamento e l'alternatore. Il trucco si chiama alternatore reversibile, cioè un alternatore, che unisce le funzioni di avviamento del motorino di avviamento a quelle di produzione di corrente proprie dell'alternatore.

TESTA DI CHIP

A comandarne il funzionamento c'è l'immancabile centralina elettronica che valuta tutti i parametri necessari alla corretta gestione. Se, per esempio, la temperatura del motore, la temperatura esterna o la carica della batteria sono troppo basse, il motore non si spegne. E rimane acceso anche quando la temperatura è superiore a 30 gradi, per consentire il funzionamento del climatizzatore, o viene richiesto lo sbrinamento del parabrezza o quando la retromarcia è inserita. Se poi si vuole utilizzare la C3 Stop&Start come una normale C3, con un pulsante sulla consolle centrale si può mettere a riposo il sistema.

BATTIBALENO

Rispetto a un normale motorino di avviamento, l'alternatore reversibile avvia l'auto in un batter di ciglia, 400 millisecondi contro gli 800 millisecondi che impiega un normale motorino. E svolge la sua funzione in perfetto silenzio, con un leggero e quasi impercettibile frullar d'ali. Nell'avviamento, è anche più efficace, poiché porta il motore a un regime pari a quello del minimo prima che la centralina immetta miscela aria/benzina nei cilindri, evitando sobbalzi e, soprattutto, evitando che i primi giri del motore siano più inquinanti e dispendiosi di quanto si è risparmiato durante la sosta. Come accade con un normale motorino.

COME NIENTE FOSSE

È una tecnologia facile, chiunque può guidare una C3 Stop&Start e magari nemmeno accorgersi del suo funzionamento, se non apprezzare la piacevole quiete (sei decibel in meno) che regna nel momento in cui il motore si spegne. È sufficiente tenere il pedale del freno premuto quando si sta fermi.

SERVO MUTO

A rendere la vita a bordo più semplice contribuisce anche il cambio manuale robotizzato Sensodrive, che provvede a cambiare da solo le marce, lasciando al pilota il gusto della cambiata sequenziale grazie alle due alucce ai lati del volante. Non è uno dei cambi robotizzati più veloci in commercio, ma per chi si è stufato di continuare a cambiare marcia nel traffico è un valido assistente.

CONTI

Ogni dieci minuti di motore spento corrispondono, secondo Citroën, a 0,07 litri di benzina verde risparmiati, pari a 10 centesimi di euro e a 312,5 grammi di CO2 non emessi. Un risparmio e un modo facile per quietare la propria coscienza ecologica offerto a un prezzo accessibile: una C3 Sensodrive Stop&Start costa 14.450 euro, compresi quattro airbag, chiusura con telecomando, alzacristalli elettrici anteriori, climatizzatore automatico, parabrezza riflettente, retrovisori esterni regolabili e riscaldabili elettricamente e sensori per le luci e i tergicristalli.

TAGS: prova citroën c3 stop&start