Autore:
Luca Cereda, Andrea Rapelli, Marco Rocca

CITY LIFE Dura la vita dell’automobilista di città, che ogni giorno combatte contro multiformi nemici. Indigeribili panettoni gialli di cemento, carrelli della spesa vaganti, colleghi distratti. Ci vorrebbe la quantità di occhi di un pavone, per sopravvivere indenne. Ma, tra i palazzi, la lotta quotidiana è fatta anche di stress da parcheggio, del singhiozzare del traffico e di spazi sempre più angusti. AAA auto furbe cercasi. Motivo per cui anche le citycar, nel loro piccolo, non possono fare a meno della tecnologia. Sotto il cofano come dentro l’abitacolo.

PICCOLO E’ BELLO Ne abbiamo messe a confronto tre delle più trendy: la Panda K-Way, che sorride anche nei giorni di pioggia, la Smart forfour proxy e la Citroën C1, l’unica guidabile anche a cielo aperto. Tre auto ipercompatte e, ciascuna con una ricetta propria, efficace antidoto agli effetti collaterali dell’ora di punta. Taluna più, talaltra meno, si affida alla tecnologia: sia essa fatta di telecamere, sensori, iperservoassistenza. Tutte, senza esclusione, si votano invece al downsizing. Con motori piccoli (sovralimentati su Panda e Smart) nascosti sotto il cofano, o al retrotreno (nel caso della Smart forfour), non così “spompi” come si potrebbe pensare. Per questo le citycar di oggi, comunque attente a consumare poco, non disdegnano qualche uscita dalla cinta muraria. E in caso di gita della domenica, sanno farsi trovare pronte. Chiamate gli amici, dunque. Quanti? Dipende dall’abitabilità. Altro aspetto da non sottovalutare quando si cerca una “cittadina modello”.    


TAGS: smart fiat citroën smart forfour citroen c1 test drive comparativa fiat panda k-way video confronto Citroën C1 vs Fiat Panda vs Smart forfour prove auto 2015