Autore:
M.A. Corniche

E’ QUI LA FESTA? Si è appena rifatta i connotati con il restyling di inizio anno e si presenta già in versione speciale. Segue i festeggiamenti al Mediolanum Forum di Milano per i trent’anni di Radio Deejay del 31 gennaio e porta il logo della radio sul portellone, oltre a una dotazione musicale. Citroën C1 Deejay festeggia anche un successo tutto italiano per la piccola di famiglia Double Chevron, con il 20% delle 626 mila C1 vendute nel mondo dal lancio avvenuto nel 2005, immatricolate proprio in Italia. Festeggiamenti che continuano anche per C3 e C3 Picasso, disponibili a giorni anch’esse con la griffe Radio Deejay.

ACCESSORIATA La dotazione di Citroën C1 Deejay parte dall’allestimento Séduction, completo di tutto quanto serve, dai quattro airbag anteriori al servosterzo elettrico con volante regolabile in altezza, dalla chiusura centralizzata con telecomando al climatizzatore manuale, dagli alzacristalli elettrici anteriori al sedile posteriore sdoppiato50/50, dalla radio CD Mp3 con 4 altoparlanti e jack audio alle luci diurne a LED. La C1 Deejay aggiunge il Connecting Box (presa USB e Bluetooth con funzione streaming audio, fendinebbia e la griffatura radio Deejay che comprende badge laterali e uno sul portellone posteriore, battitacco e tappetini DEEJAY, retrovisori in colore nero opaco glitterato Glitter Black e un kit DEEJAY, una borsa Deejay con mug, chiavetta USB e cofanetto con i tre Cd della compilation Deejay Story.

200 EURO La meccanica della Citroën C1 Deejay rimane la medesima di tutte le C1, con il 1000 tre cilindri a benzina da 68 cv, abbinato a un cambio a cinque marce manuale o robotizzato. I consumi sono davvero contenuti, 4,3l/100km su ciclo misto e 99g di CO2/km con cambio manuale, 4,5l/100km e 104g di CO2/km con cambio manuale pilotato CMP. Rsipetto alla C1 Sèduction la C1 Deejay costa 200 euro in più con 11.650 euro per la 3 porte e 12.000 euro per la più versatile 5 porte. La versione con cambio CMP costa 500 euro in più.

MILLE BRILLANTE Alla presentazione della C1 Deejay ne ho approfittato per rinfrescarmi la memoria su questa piccola che ho sempre considerato una ottima piccola multiuso. Confermo la sensazione di una piccola furba, dal prezzo contenuto e consumi da scooter, piccola ma piacevole e divertente con il suo mille brillante. Ricordavo il mille meno elastico e più rapido a salire di giri mentre lo ritrovo superelastico, con poche vibrazioni anche a regimi ridicoli e meno rapido a salire di giri, molto piacevole e divertente. Poche vibrazioni a tutti i regimi per un tre cilindri e mi pare che il lavoro di insonorizzazione sia anche più attento rispetto al passato, capace di garantire un buon confort anche quando la C1 si spinge fuori dalle mura cittadine.

LIBERO ACCESSO Una piccola furba, divertente da guidare e pratica, mette a disposizione tanto spazio rispetto ai suoi 344 centimetri di lunghezza massima, con la versione cinque porte che, includendo anche il parafango posteriore, rende facile l’accesso ai due posti posteriori. Per una piccola cittadina trovo che potrebbe avere un diametro di sterzata più contenuto dei 9,5 metri dichiarati.


TAGS: citroën c1 deejay 2012 Tutte le prove auto del 2012