Autore:
Marco Congiu
SFIZIO DA TOGLIERSI La DS3 Cabrio Performance Line è un'auto sinceramente interessante. Piccola quanto basta, dotata di un'estetica frizzante senza essere cafona, con motorizzazioni pepate ma mai assatanate e assetate, può rivelarsi una scelta interessante per un giovane che abbia voglia di farsi notare nel week end con gli amici ma che non ci tenga a passare più tempo dal benzinaio che dalla ragazza. 
 
LOOK ACCATTIVANTE Un punto di forza della DS3 Cabrio Performance Line è proprio il pacchetto estetico che la caratterizza. il look, decisamente grintoso, non fa passare decisamente inosservata questa piccola francese: vuoi per le luci a LED che le donano uno sguardo intrigante, vuoi per la capote in tela che affascina come pochi altri particolari, si capisce lontano un miglio che questa DS3 ha personalità da vendere. I cerchi da 17" impreziosiscono poi il tutto, senza assolutamente cadere nel cafone.
 
INTERNI SPORTIVI, NON DA FAMIGLIA Il pacchetto performance line regala alla DS3 sedili dichiaratamente sportivi: la seduta è comoda e avvolgente, ma occhio: si tratta sempre di una tre porte, e inevitabilmente se una pertica umana si dovesse sedere dentro, l'abitabilità dovrà trovare dei compromessi con gli altri occupanti. Di sicuro, un quintetto di basket al suo interno non avrebbe vita facile per arrivare in palestra partendo da casa. In tre persone, invece, lo spazio è perfetto, soprattutto se chi si siede dietro è disposto a viaggiare "in diagonale". Una nota dolente - forse, l'unica dell'auto - è però rappresentata dal bagagliaio. Le cabrio sono le auto più affascinanti in assoluto, ma bisogna solitamente rinunciare alla capacità di carico: sulla DS3 Cabrio Performance Line, a guardare i numeri - 280 litri di capienza standard, 980 con il divano posteriore abbattuto - di spazio ce ne sarebbe, per una segmento B. Solo che l'apertura minuscola dello sportello costringe inevitabilmente ad abbandonare i carichi voluminosi. Peccato!
 
VIAGGIARE, VIAGGIA! L'idea di automobili sotto i 4 metri, compatte, spinte da un motore abbastanza performante ma non assetato e con un look generale grintoso, sinceramente ha sempre solleticato il mio interesse. Una volta alito a bordo, la prima cosa che si deve categoricamente fare su una cabrio è ripiegare la capote. Qui, la DS3 mi offre due soluzioni: o eliminare totalmente la porzione del tetto o ripiegare il tutto nella sua completezza. Provo a fare questa seconda operazione, ma cambio subito idea: la capote completamente abbassata  offusca parecchio la visuale al posteriore, quindi perché limitarsi ad utilizzare solamente gli specchietti laterali? Un piccolo colpo al tasto della capote, ed il gioco e fatto: a cielo aperto senza problemi! SArà il caldo, sarà il sound del 1.6 benzina THP da 165 CV, ma un po' di libidine la si prova, lo ammetto. L'assetto è morbido il giusto per assorbire le più comuni asperità della strada, anche se quando si vuole forzare il ritmo l'auto risponde sempre "presente". La progressione è molto interessante, soprattutto se si vuole portare ogni marcia verso la zona rossa: la sgommata nella cambiata dalla prima alla seconda, è assicurata. E andiamo! A livello di prestazioni, la DS3 Cabrio Performance Line si difende bene: la versione che sto provando oggi brucia lo scatto da 0 a 100 km/h in poco più di sette secondi, prima di fermare il tachimetro oltre i 200 km/h. E pensate che non si tratta nemmeno della versione più potente a listino! Un altro particolare che mi ha particolarmente convinto è lo sterzo: sincero e diretto il tanto che basta per un'auto con questo DNA, non stanca per nulla nei tratti autostradali, mentre quando le curve diventano compagne di viaggio, sa emozionare. I consumi, come vi ho già detto, non sono per nulla fuori scala per un'auto di questo tipo e con prestazioni simili: con un piede amico, si riescono a percorrere 100 km con poco meno di 7 litri di benzina a velocità autostradali.
 
LA COMPREREI? Intendiamoci: un prezzo di partenza di 24.900 euro è commisurato alle prestazioni offerte ed alla qualità complessiva del mezzo. La DS3 Cabrio Performance Line, però, non è un'auto adatta a tutti: l'essere bassa da terra e non offrire tanto spazio a bordo possono essere punti a suo sfavore. Ma chi ha intenzione di provare ancora emozioni interessanti alla guida, di riuscire a far girare la testa in alcuni casi agli altri occupanti della strada e a togliersi qualche soddisfazione, dovrebbe darle una possibilità. 

TAGS: ds3 ds DS3 Performance ds3 performance line