Autore:
Marco Congiu

LA COMPRI, PAPÀ? La seconda generazione di Peugeot 5008 abbandona l'abito da monovolume per famiglie indossando quello da SUV. Vista come una versione più grande dell'auto dell'anno, la Peugeot 3008, questo sport utility dimostra di aver carattere da vendere, nonostante si indirizzi a famiglie numerose e che, quando viaggiano, amano letteralmente traslocare dalla città verso il mare o la montagna.

STILE GRINTOSO Gli esterni della nuova 5008 sono figli del nuovo design Peugeot: i fari si presentano con uno spicchio di carrozzeria che spinge verso l'interno, come se un felino furioso li avesse graffiati. La mia versione, la GT-Line, è quella esteticamente più carica: le cromature sapientemente distribuite non si sprecano, mentre al tetto spuntano delle barre portatutto in alluminio. Dietro, i papà più sprint, apprezzeranno sicuramente il doppio scarico cromato che offre quell'idea sportiva che non guasta.

INTERNI: CHE GODURIA Lo ammetto: sin da quando ho visto da vicino in anteprima il nuovo iCockpit 2.0 di Peugeot un anno e mezzo fa, è stato amore a prima vista. Ammettiamolo: sembra preso direttamente da una concept e prodotto in serie. Il suo design umanocentrico mette chi guida al centro dell'attenzione, rimanendo semplice nell'utilizzo. I sette tasti fisici controllano le funzioni di uso più comune, dal navigatore alla climatizzazione passando per l'allacciamento del telefono. Cosa vuol dire questo? Spazio zero per le distrazioni nel cercare sul display il comando corretto. Il display da 12” sostituisce il cruscotto analogico, andando quasi a far concorrenza all'Audi Virtual Cockpit. E se proprio si vuole esagerare, si può scegliere con 2.500 euro di dotarsi di sedili in pelle Nappa.

MOTORI: IMBARAZZO DELLA SCELTA In questo segmento di SUV, in Italia, dominano le motorizzazioni a gasolio. La nuova 5008 ne ha due, su tre declinazioni di potenza: il 1.6 BlueHDI da 120 CV, disponibile sia con cambio automatico EAT6 e manuale a sei marce, ed il 2.0 BlueHDI da 150 e 180 CV. A benzina, invece, troviamo il 1.2 PureTech da 130 CV, sia con cambio automatico che manuale, ed il 1.6 THP da 165 CV con solo cambio automatico.

PREZZI: AMPIA FORBICE I prezzi della nuova Peugeot 5008 sono molto ampi, in relazione a potenza e allestimenti. Si parte dai 25.650 euro per la versione Acces spinta dal 1.2 a benzina, sino a sfondare il muro psicologico dei 40.000 euro con la 5008 GT equipaggiata dal Diesel da 180 CV con cambio automatico. Adesso basta, però: accendiamola e vediamo come si comporta su strada.

BELLA SORPRESA Ve lo dico subito: la nuova 5008 è divertente! Il motore 2.0 BlueHDI da 150 CV spinge fin da subito, dimostrandosi per certi versi anche più prestazionale di quanto non sia. Cosa vuol dire questo? Che potete togliervi qualche soddisfazione ai semafori per una partenza scattante, o anche alle varie rotonde. Le sensazioni che mi trasmette questo SUV sono positive: il telaio è molto vivo e reattivo, dando al SUV un tocco di sportività che non farà storcere il naso anche ai padri di famiglia che si son visti costretti a vendere la hot-hatch per avere più spazio disponibile. Lo sterzo è molto sincero: è morbido il tanto che basta per non essere stancante, ma una volta premuto il pulsante Sport la musica cambia. L'abitacolo è inondato da un sound – artefatto, riprodotto dallo stereo – tutta grinta, capace quasi di far venire la pelle d'oca. Lo sterzo diventa più duro, ed il pedale del gas più pronto ai comandi del nostro piede destro. Vi anticipo che, praticamente da quando ho preso in mano la 5008, non ho più abbandonato questa modalità. Anche a velocità autostradali, non si avvertono mai fruscii aerodinamici, sintomo di un buono studio sotto questo versante.

LO SPAZIO CHE SERVE La Peugeot 5008 pur avendo dimensioni importanti - lunga 4,64 metri per 1,84 di larghezza e 1,65 di altezza - alla guida si dimostra più piccola di quanto non sia nella realtà. Lo spazio a bordo non manca di certo, nemmeno per un marcantonio più alto di un metro e novanta anche quando è costretto a viaggiare sui sedili posteriori. Una nota stonata viene dal montante B: con la posizione di guida impostata perfettamente a mia misura, in alcune occasioni il laterale destro è totalmente un punto cieco. Per il resto, l'iCockpit 2.0 si rivela una delle migliori plance attualmente in commercio: i tasti fisici sono proprio lì dove te lo aspetti, mentre l'interfaccia grafica è rapida nei cambiamenti.

NO ALL'INTEGRALE La nuova 5008 non ha un sistema di trazione integrale a listino. Chi volesse sfruttare questo SUV anche in fuoristrada, dovrà ricorrere al sistema Peugeot AllGrip: tramite una manopola sul tunnel centrale, si può adattare la ripartizione della trazione tra le due ruote anteriori a seconda del terreno che stiamo affrontando, dal fango alla neve, sino ad eliminare il sistema di controllo della trazione. Buona anche la presenza dell'hill descent controll, che frena autonomamente la 5008 in discesa una volta impostato.

QUALCHE DIFETTO La nuova Peugeot 5008, per quanto mi sia piaciuta, non è certamente l'auto perfetta. Per quanto sia innamorato dell'iCockpit 2.0, il volante è un po' troppo piccolo per un'auto di queste dimensioni: lo vedrei bene sicuramente su una 208 GTI, o su una scomparsa RCZ. Questione di gusti, comunque. Da segnalare panche come, soprattutto appena accoppiati, il segnale del bluetooth non sia immediato, con qualche salto di troppo durante la riproduzione delle tracce audio o delle chiamate, ma forse questo può essere un problema della mia 5008. L'allestimento GT-Line, per quanto ricco, non offre di serie la retrocamera di parcheggio, aspetto che ad alcune persone potrebbe far comodo, ma che invece si paga a parte. Più di tutto, però, non mi ha convinto la rigidità complessiva dell'auto, molto secca quando si tratta di superare dossi o buche a velocità anche basse, intorno ai 15-20 km/h. Peccato.

PROMOSSA SI O NO? La nuova Peugeot 5008 è un'auto destinata alle famiglie, a chi ama viaggiare e a chi vuole trovare un giusto compromesso tra capitale investito e qualità dell'acquisto. La mia 5008 GT-Line, spinta dal Diesel 2.0 litri BlueHDI da 150 CV è senza dubbio una compagna di viaggio versatile e poco assetata, con un consumo medio rilevato nel misto di circa 5,5 l/100 km, che sa offrire una buona via di mezzo tra divertimento di guida e necessità di spazio. Il SUV che ho provato arriva ad un prezzo di oltre 43.000 euro, a fronte di un listino di partenza di circa 36.000. È anche vero che non mi sono negato nulla: dai sedili in pelle Nappa massaggianti e riscaldati sino all'impianto audio Focal, passando per portellone posteriore automatico e piastra per la ricarica wireless dello smartphone. La comprerei? Se avessi bisogno di spazio, avessi dei bambini e la necessità di viaggiare spesso, sicuramente sarebbe una di quelle che valuterei con maggiore attenzione, pur senza farcirla di optional ma puntando sempre deciso sul 2.0 litri da 150 CV. Così, i bambini non arriveranno più in ritardo a scuola.

 


TAGS: peugeot peugeot 5008 nuova peugeot 5008