Autore:
Emanuele Colombo

PROVA SU STRADA Fiat Tipo Station Wagon vuole essere la macchina da famiglia pratica ed economica: sembra fatta apposta per me. La provo in versione diesel con il motore MJT da 1,6 litri e 120 cavalli, accoppiato con il cambio automatico: un pacchetto che sulla carta dovrebbe offrirmi un compromesso davvero azzeccato tra prestazioni, consumi e comfort.

LA PROVA DEL CLIMA La prendo in consegna al Lingotto di Torino, storica sede Fiat, un martedì a metà pomeriggio, dopo che il sole l'ha arroventata ben bene: così ho subito modo di apprezzare l'efficienza del climatizzatore automatico, che in pochi minuti riporta l'abitacolo ai 20 gradi richiesti.

NAVIGATORE ESIGENTE Imposto il navigatore sullo schermo touch del sistema Uconnect da 7” (a cui non basta dirgli di portarmi a Milano, ma vuole un indirizzo completo), poi collego il telefonino al vivavoce via Bluetooth e lo metto in carica tramite la presa USB alla base del cruscotto. Quando tutto è pronto inizia il mio percorso per tornare a Milano.

COMANDI VOCALI Chiamo casa sfruttando i comandi vocali e in questo il sistema Uconnect si dimostra efficiente. Mi capisce al volo e gestisce in modo efficace le ambiguità: per esempio quando trova più numeri in rubrica associati alla stessa persona. Finita la chiamata, la radio DAB mi accompagna con una qualità audio davvero apprezzabile.

BENEDETTO AUTOMATICO Nel traffico congestionato dell'ora di punta benedico il cambio automatico a doppia frizione DDCT, che si dimostra puntuale nel darmi il rapporto che serve, proprio quando serve. Il motore è scattante e pronto all'acceleratore anche se sto guidando con la modalità eco inserita, per ridurre al massimo i consumi. La guida è piacevole e poco faticosa.

COMODA SUL PAVÉ Accuso solo una certa rumorosità a freddo, dai timbri non proprio melodiosi, che tuttavia si attenua quando il motore si scalda. Il dispositivo Start&stop, che arresta il motore al semaforo e lo riaccende automaticamente al momento di ripartire, non è sempre rapido in riavvio, va detto, in compenso l'assetto assorbe molto bene il pavé come i dossi di rallentamento.

GLI INTERNI Nel traffico ho tempo di guardarmi attorno. L'abitacolo è spazioso e il posto guida è comodo, anche se lo spigolo della porzione centrale della plancia è un po' sporgente. I sedili della Tipo in prova, che è in allestimento Lounge, hanno rivestimenti in tessuto nero non proprio entusiasmanti (simili a quelli della Volkswagen Tiguan che avevo provato tempo fa), impreziositi però da inserti a contrasto in alcantara che danno al tutto un tocco di vivacità. Solide le plastiche di cui sono fatti gli scudi porta e la plancia, penalizzate però da una finitura lucida dall'aspetto... orientale. Le guide dei sedili, va detto, sono un po' in vista, ma il montaggio delle componenti è curato e non si notano sbavature nel livello di finitura.

I CONSUMI DEL COMPUTER Finalmente esco da Torino e il computer di bordo mi dice che ho percorso in media 11,5 km/l: facendo i conti parliamo di un consumo di 8,7 litri per 100 km. Imbocco l'autostrada e la velocità cresce. Rotolamento dei pneumatici e rumorosità meccanica si fanno sentire più dei fruscii aerodinamici. Il comfort comunque è elevato e il computer di bordo calcola 16,7 km/l a 130 all'ora costanti: pari a poco meno di 6 litri per 100 chilometri.

PIACERE DI GUIDA Il viaggio prosegue senza intoppi fino alle porte di Milano, dove esco dall'autostrada per dirigermi verso casa. È l'occasione per affrontare qualche curva con piglio sportiveggiante. L'assetto continua a brillare, fornendomi appoggi sicuri e progressivi, accompagnati da una buonissima tenuta di strada e una stabilità rassicurante. Lo sterzo, progressivo e lineare, mi permette una guida precisa senza bisogno di correzioni in traiettoria e pure il peso è corretto. Ottima la risposta del cambio, che adoperato in manuale ha una rapidità degna delle auto sportive.

CAPACITÀ DI CARICO Non vedo l'ora che arrivi il prossimo weekend, quando potrò portare la famiglia al mare contando sul bagagliaio da 550 litri: regolare nella forma e con un piano di carico molto vicino alla soglia (ma dotato di ampio doppiofondo) sarà uno scherzo caricare tutti i bagagli e l'attrezzatura da sub! Se solo ci fosse anche il portellone robotizzato... Per i dati tecnici e i prezzi si rimanda alla scheda della Fiat Tipo Station Wagon 1.6 MJT Lounge: il cambio automatico è offerto senza sovrapprezzo per tutto maggio 2017.


TAGS: consumi cambio automatico test drive prova su strada fiat tipo station wagon cambio a doppia frizione prova fiat tipo sw diesel automatica fiat tipo sw 1.6 mjt ddct